Comune di Casandrino

Casandrino, il sindaco Antimo Silvestre: “Sì alla salvaguardia dell’ambiente, no ad inutili allarmismi e a false notizie”

Pubblicata il 22/01/2014

“Le iniziative che pongono al centro dell’attenzione la salvaguarda dell’ambiente, la salute pubblica, il bene dei cittadini, sono sempre bene accette, far passare un messaggio fuorviante no, questo non lo accettiamo”. A parlare è il sindaco di Casandrino Antimo Silvestre in merito ad un convegno organizzato da un’associazione locale sul tema dell’ambiente.
“All’inizio dei lavori è stato proiettato un filmato che ha mostrato il nostro territorio invaso dai rifiuti nella totale indifferenza delle istituzioni. L’istituzione che mi onoro di rappresentare nella qualità di Sindaco, il Comune, era presente. Ma non mi è stata data la parola. Se ne avessi avuto l’opportunità avrei spiegato quello che stiamo facendo, in primis sull’ex Alveo, un’area periferica che, purtroppo, si ‘presta’ all’abbandono di ogni tipo di rifiuti, come quelli speciali, materiali plastici,  o ingombranti. Avrei spiegato che oltre alla bonifica abbiamo previsto un intervento di riqualificazione generale. Tra l’altro – sottolinea il sindaco Silvestre, al momento della proiezione del filmato la realtà dei fatti era già totalmente diversa”.
Via Lavinaio non è più come è stata mostrata perché già interessata da una serie di atti ed azioni.
Previo controllo delle forze dell’ordine quali Carabinieri e Vigili Urbani, l’intera area è stata sottoposta a sequestro preventivo. Il Comune si è attivato con le modalità previste dal protocollo sottoscritto avviando le procedure per la risoluzione della problematica. Allo scopo abbiamo ottenuto il dissequestro dall’autorità giudiziaria.
Con un’ordinanza la strada è stata chiusura, con la conseguente interruzione momentanea della circolazione dell’ex Alveo, predisponendo l’istallazione di due cancelli metallici, al fine di poter procedere alla bonifica.
In ottemperanza al comma 3 dell’articolo 3 del Patto della Terra dei fuochi, il Comune per non vedersi conteggiati i rifiuti nel calcolo della percentuale della raccolta differenziata, ha inviato i dati al portale delle Prefettura, ‘Prometeo’, trasmettendo tutta la documentazione, corredata da una dichiarazione del dirigente dell’ufficio assevervata dal sindaco, all’Asl, Arpac, alla Provincia ed alla Regione.
E’ stato affidato ad una ditta specializzata l’incarico di avviare tutte le procedure previste per legge per la bonifica.
È stata effettuata la caratterizzazione dei rifiuti e la messa in sicurezza dell’amianto o di quelli speciali, inviando richiesta all’Asl di appartenenza per i dovuti sopralluoghi ed accertamenti. Nel frattempo la ditta ha avviato le procedure di smaltimento dei rifiuti ingombranti ed urbani. “Prevediamo – afferma Silvestre - che nell’arco di 60 giorni l’area possa essere completamente liberata da tutti i rifiuti.
In seguito a regolare gara con evidenza pubblica sono stati aggiudicati ad una ditta i lavori di riqualificazione e consolidamento dell’asse viario e fognario in modo da poter restituire alla cittadinanza un’arteria di collegamento tra Casandrino e Melito di Napoli completamente percorribile.
Infine per far si che questi interventi non restino operazioni inutili ed isolate, “abbiamo affidato ad un consorzio sicurezza la predisposizione e gestione di un sistema di video sorveglianza per prevenire il ripetersi del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti”.
 
“Ci siamo anche attivati per realizzare sul nostro territorio un’Isola Ecologica – fa sapere il primo cittadino.
“Abbiamo partecipato in data 17/10/2013 ad una riunione operativa convocata dal vice prefetto Cafagna presso il commissariato di Polizia di Frattamaggiore per definire modalità e competenze per gli interventi di rimozione dei rifiuti nella aree di proprietà regionale sottostanti gli assi stradali di scorrimento, e per le iniziative da adottare per scongiurare il ripetersi di tali episodi di abbandono dei rifiuti.  Successivamente, si è tenuto un ulteriore incontro, il 6/11/2013, alla presenza di rappresentanti di Provincia e  Regione per affrontare la problematica della concessione in uso delle aree sottostanti gli assi viari di proprietà regionale.
L’amministrazione, avendo la necessità di realizzare un’isola ecologica ed essendo beneficiaria di un finanziamento provinciale per la sua realizzazione, ha avviato, in ossequio agli incontri avuti, la procedura per poter avere in uso le aree sottostanti l’asse mediano che attraversa il nostro territorio (che tra l’altro sono oggetto, in modo indiscriminato, di abbandono di rifiuti).
Le procedure adottate sono state: richiesta alla Regione di concessione in uso delle arre di sua proprietà sotto l’asse mediano alla quale l’Ente ha dato il proprio assenso previo, però, nulla osta delle autorità competenti, ovvero Provincia di Napoli - sezione viabilità, Arpac, Vigili del Fuoco, Asl e Asi.
Convocata la conferenza di servizi con gli Enti preposti, con la quale è stato acquisito parere favorevole di Asl, Arpac, Vigili del Fuoco, Asi, la Provincia si è riservata, invitando il progettista di Casandrino ad adeguare il progetto predisponendo delle barriere laterali per garantire la sicurezza stradale.
A conclusione del procedimento il rappresentante della Provincia con nota inviata alla Regione non ipotizza alcun intervento se non quello di recinzione e piantumazione in quanto è necessario garantire l’incolumità delle persone e delle cose in caso di incidenti come per altro è già avvenuto negli anni scorsi.
“E’ palese – sottolinea il sindaco Silvestre - quanto sia complicato e farraginoso, a volte, avere a che fare con Enti che invece di agevolare il concretizzarsi di iniziative di pubblica utilità, non fanno altro che rendere tortuosi i percorsi se non interromperli addirittura. Viste le criticità emerse nella realizzazione di un’isola ecologica nelle aree sottostanti l’asse mediano chiediamo l’intervento del Prefetto, invitando Sua eccellenza a convocare un incontro, qualora lo ritenesse opportuno, con gli enti preposti per affrontare e risolvere la questione. Questo però non è più il momento delle divisioni. Bisogna unirsi, camminare fianco a fianco, convogliare energie e idee per mettere in campo tutte le azioni possibili per ridare dignità e splendore alle nostre terre”.
 

Categorie News

Facebook Google+ Twitter